News Nazionali

I RADUNI  NAZIONALI

Nel 1930 si tiene il primo Raduno Nazionale nelle città di Torino.
Nel 1932, con la concessione del Labaro Associativo, il sodalizio assume il nome di ”Associazione dell’Arma di Artiglieria“.
I soci indossano il fazzoletto giallo, il distintivo da applicare al bavero della giacca e la bustina grigioverde bordata di giallo.

L’Associazione è divisa in Direzione Nazionale, Delegati Regionali, Commissari Provinciali, Sezioni Provinciali, Gruppi Comunali.

Viene anche istituita la carica di Vice Presidente Nazionale, e adottato l’Inno dell’Artigliere, composto da Daci e Fiori su musiche di Lens.

Nel 1933 l'Associazione si trasferisce da Torino a Pisa , via Lavagna 1,ove rimarrà fino al 1939.
Nel 1935 il Re partecipa al IV° Raduno Nazionale, che si tiene nella città di Firenze nel mese di maggio..
Nel 1936 viene adottato lo Stemma Araldico sul quale è raffigurata l’aquila rampante, sormontata dalla corona reale, poggiante su due cannoni incrociati, sovrastanti il fascio littorio, con il cartiglio che riporta il motto: ”Sempre e Dovunque“.
Nel 1937 vengono costituite le prime sezioni estere, nelle colonie di Maccalè (Etiopia), Asmara (Eritrea), Addis Abeba (Etiopia), di Ginevra (Svizzera), Beausoleil (Francia).
L’anno successivo, 1938, per decisione del Regime tutte le istituzioni, comprese le Associazioni, sono militarizzate e l’Associazione assume la denominazione di ”Reggimento Artiglieri d’Italia Damiano Chiesa".

Il provvedimento comporta anche un nuovo organigramma che prevede: un Comando Generale (l’ex Presidenza Nazionale), Comandi di Zona (Regioni), Comandi Provinciali, Comitati disciplinari.

Tutti gli iscritti sono obbligati a sottoscrivere un atto formale di giuramento.

Nel 1939, con rogito notarile viene acquistata la proprietà dell’immobile di Via Aureliana 25 che da allora è sempre stata la sede della Presidenza Nazionale dell’ANARTI.
Nel 1940 l’Associazione, che conta oltre 40.000 soci, a causa dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale decide di sospendere i Raduni Nazionali.
Terminata la guerra, nel 1947 presso la sede romana di Via Aureliana 25 si ricostituisce la Presidenza Nazionale.

Il Presidente della Repubblica Italiana, con proprio decreto, il 30 maggio 1953 riconosce ufficialmente la denominazione e la personalità Giuridica dell’Associazione Nazionale Artiglieri d’Italia (ANARTI).

Nel 1954 viene adottato il nuovo Stemma Araldico.
Nel 1956  a Firenze, in novembre, con il IX° Raduno, riprendono i Raduni Nazionali alla presenza del Ministro Taviani.
Nel 1957 l’Associazione viene riconosciuta come Ente Morale e a Conegliano (Treviso) viene inaugurato il Santuario dedicato a Santa Barbara.
Il 2 giugno 1960 il Medagliere dell’Arma di Artiglieria partecipa per la prima volta alla parata militare in Via dei Fori Imperiali, a Roma, per la Festa della Repubblica Italiana.
Nel 1963 il Presidente della Repubblica, Antonio Segni, riceve in udienza privata il Consiglio Nazionale; nello stesso anno giungono a Roma in visita ufficiale oltre 200 iscritti della sezione del Massachusetts (U.S.A.).
Nel 1967 il ”Complesso di Castel Dante“, che comprende l’Ossario con i resti di 13.000 valorosi soldati, la campana dei Caduti e la strada degli Artiglieri, viene ufficialmente riconosciuta zona sacra.

Il numero delle sezioni sale a 525 e gli iscritti superano quota 60.000.

Nel 1972, per iniziativa della Delegazione Veneta, a Gaiarine (Treviso) viene inaugurato il Monumento a Santa Barbara.
Nel 1975 le sezioni sono cresciute a quota 611, con 4 sezioni all’estero, e i soci sono oltre 47.000.
Nel 1981 le sezioni sono 630.
L’anno dopo, d’intesa con Onorcaduti, è ristrutturata la Strada degli Artiglieri di Rovereto (Trento) e vengono collocati i Cippi degli Artiglieri decorati di Medaglia d’Oro nella 2 Guerra Mondiale e nella Guerra di Liberazione.
Nel 1986, anno di consolidamento dell’Associazione, si promuove la partecipazione alle attività di Protezione Civile, in collaborazione con altre Associazioni d’Arma e di Volontariato.
Nel dicembre del 1991 il Presidente Nazionale, Generale Guido Bellagamba, partecipa a Firenze al primo Raduno Regionale di Artiglieri, Marinai, Genieri, Vigili del Fuoco, per festeggiare assieme la comune Celeste Patrona, promosso dalla Delegazione Regionale ANArtI, alla presenza del Sottosegretario di Stato agli Interni On. Valdo Spini e del Cardinale Silvano Piovanelli, Arcivescovo di Firenze.
Nel 1992 solenni onoranze vengono organizzate in tutta Italia in occasione della traslazione delle spoglie mortali di Santa Barbara nelle chiesa di San Martino di Burano a Venezia.
Nel 1993 a Belluno è inaugurato il Monumento al mulo e al suo conducente.
Il 5 luglio 1996 a La Spezia il Presidente Nazionale Generale Vittorio Olivieri  consegna alla nave ”Artigliere F582 ” la Bandiera di Combattimento.

N°   ANNO

CITTA'

N°  ANNO

CITTA'

01 -  1930 

Torino

14 - 1968

Treviso

02 -  1933 

Nervesa della Battaglia (TV)

15 - 1970

Roma

03 -  1934   

Napoli

16 - 1973

Torino

04 - 1935

Firenze, alla presenza del Re d’Italia  Vittorio Emanuele II

17 -  1977

Milano

05 - 1937 

Roma

18 -  1982

Torino

06 - 1938

Venezia

19 -  1988

Treviso, con la partecipazione di 30.000 soci italiani ed esteri

07 - 1939

Palermo

20 -  1990

Padova

08 - 1940

Fiume

(facente ancora parte dell'Italia )

21 -  1996

Belluno

1941 -1955

Sospesi causa guerra

22 - 2001

Bibione (VE)

09 - 1956

Firenze, con grande mostra delle Artiglierie e la pubblicazione "Sintesi della Storia dell’Artiglieria" del Generale Carlo Montù. 

23 -  2003

Bergamo

10 - 1958

Napoli

24 -  2005

San Donà di Piave (VE)

11 - 1961

Torino

25 -  2007

Iesolo (VE)

12 - 1963

Brescia

26 -  2009

Rivarolo Canavese (TO)

13 - 1966

Verona

27 -  2011
 
Mantova
 

 
Dal 2-6-2009
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi135
mod_vvisit_counterIeri124
mod_vvisit_counterQuesta Settimana559
mod_vvisit_counterLa Passata Settimana1146
mod_vvisit_counterQuesto Mese3941
mod_vvisit_counterIl mese passato5172
mod_vvisit_counterTutti i giorni350195